venerdì 17 ottobre 2014

Dolcetti di Frolla con Zucca e Mela per Halloween

Tra due settimane sarà  Halloween, anche se non è una festa di origine italiana, ormai è entrata prepotentemente nelle nostre vite e il 31 Ottobre si vedranno in giro streghette, mummie e naturalmente non mancheranno le zucche. Halloween può essere l'occasione per far mangiare ai nostri figli qualcosa che di solito non amano, magari presentandola sotto forma di dolcetto pauroso, ma allo stesso tempo spiritoso. Un grande aiuto ce lo offre Silikomart con lo stampo della serie Let's Celebrate Halloween, con zucche, mummie e gatti, adatto sia alle preparazioni dolci che salate. Ho scelto di utilizzarlo per preparare dei dolcetti di pasta frolla ripieni di zucca e mela, fatte leggermente caramellare nello zucchero di canna e burro. Ho decorato con Chocolate paste nero e giallo sempre Silikomart.




Ingredienti per 8 dolcetti

Per la pasta:
300 g di farina
1 uovo+1 tuorlo
100 g di zucchero
130 g di burro
5 g di cacao amaro

Per il ripieno:

50 g di zucchero di canna
15 g di burro
80  g di zucca gialla
70 g di mela
40 ml di liquore amaretto (io il mio  Nespolino)

Per decorare:

Preparazione:

Su una spianatoia fare la fontana con farina e zucchero, unire il burro freddo a cubetti  e lavorare con le dita per incorporare lo zucchero al burro, unire l'uovo e il tuorlo e impastare velocemente. Tagliare 1/4 d'impasto ed aggiungere il cacao, avvolgere nella pellicola i due panetti di pasta e tenere in frigo per un'ora. Mentre la pasta riposa preparate il ripieno. In una padella fate fondere il burro con lo zucchero di canna, aggiungete la zucca e la mela tagliate a cubetti, fate cuocere per 5 minuti, aggiungete l'amaretto e proseguite la cottura per 10 minuti, trasferite in una ciotola e fate raffreddare. Aggiungete alle mele e zucca gli amaretti sbriciolati e mescolate bene. Prendete la pasta dal frigo, stendete la pasta marrone e foderate gli stampini a forma di gatto, lasciatene un po' per ricoprire. Fate lo stesso anche con la pasta bianca. Versate  negli stampi  il ripieno, stendete la pasta tenuta da parte e coprite il ripieno, sigillate bene. Cuocete a 180 gradi per 30 minuti. Sfornate e fate raffreddare, togliete dallo stampo. Decorate a piacere con la Chocolate Paste. Per rendere l'atmosfera ancora più lugubre ho  fatto cadere dei wonder grains arancio su un'alzatina, che ho decorato con ragnatele e ragni, e per finire ci ho sistemato i dolcetti e il gioco è fatto. 




giovedì 16 ottobre 2014

Bocconcini di Maiale con Prugnole e Rubesco per "L'Italia nel Piatto"

Eccoci al secondo appuntamento per il mese di Ottobre con la rubrica di cucina regionale, che  adesso  è anche un blog L'Italia nel Piatto. Dopo l'uscita del 2 dedicata a Uva e Vino (dalla vigna alla cantina), quella di  oggi è dedicata ancora al Vino, ma non esclusivamente per la preparazione di ricette tradizionali, ma anche ricette innovative che abbiano tra gli ingredienti un vino del territorio. Io ho deciso di presentarvi il Rubesco Rosso di Torgiano DOC,  prodotto con Sangiovese, Colorino e Canaiolo, dal colore rosso rubino, con aromi di tabacco e pepe. Ottimo con pasta, carni arrosto e formaggi, ideale per la preparazione di salse. Rubesco è un marchio esclusivo della cantina Lungarotti,  nome che deriva da rubescere che in latino significa arrossire. Non sono una grande esperta di vini, quindi alcune indicazioni le ho prese dal sito Lungarotti, e altre dal mio palato, degustando questo delizioso vino. Ho deciso di utilizzare il Rubesco per arricchire dei bocconcini di maiale alle prugnole, bacche molto comuni qui in Umbria, che di solito utilizzo per preparare un liquore delizioso. 




Ingredienti per 2:

200 g di bocconcini di maiale
20 g di cipolla rossa di Cannara
80 g di prugnole
80 di Rusbesco 2010 
Olio extravergine d'oliva
Sale
Pepe

Preparazione:

Fate soffriggere la cipolla tritata con un filo d'olio, aggiungete i  bocconcini di maiale e fate rosolare per 10 minuti, regolate di sale pepe. Lavate le prugnole ed eliminate il nocciolo, unitele alla carne insieme a 4-5 cucchiai d'acqua tiepida, lasciate cuocere per 10 minuti, aggiungete il Rubesco e lasciate sul fuoco ancora 10  minuti servite accompagnato da un buon bicchiere di Rubesco.

E questo quello che questa settimana ci offrono le altre regioni:


Trentino-Alto AdigeVellutata al vino Lagrein Kretzen  

Il nostro Blog L'Italia nel Piatto

martedì 14 ottobre 2014

Farfalle Gratinate con Broccolo Siciliano e Pancetta

In questa stagione sui banchi dei mercati abbondano cavoli, broccoli, cavolfiori, ricchi di sali minerali e vitamine, poveri di calorie. Oggi ho scelto il broccolo siciliano per queste farfalle Giuseppe Cocco, che insieme a pancetta e Parmigiano Reggiano ho poi fatto gratinare in forno, un primo gustoso da preparare anche in anticipo e poi passare in forno all'ultimo minuto. Ho servito le farfalle in un  pentolino Agnelli, direttamente dal forno alla tavola. 




Ingredienti per 2:

160 g di farfalle all'uovo Cav. Giuseppe Cocco
200 g di broccoli lessati
60 g di pancetta dolce
Aglio
Olio
Parmigiano Reggiano

Preparazione:

Fate soffriggere la pancetta con un filo d'olio e uno spicchio d'aglio, finché non sarà dorata, aggiungete i broccoli e fate insaporire per 5 minuti. Cuocete le farfalle in abbondante acqua salata, scolatele al dente e versate nella padella con il condimento, aggiungete anche del Parmigiano e mescolate bene. Trasferite la pasta nel tegamino e informate a 200 gradi e fate gratinare, sfornate e servite subito. 


Pentolino  Agnelli

lunedì 13 ottobre 2014

Confettura di Uva all'Anice

Ormai la vendemmia è quasi terminata, le viti ci hanno regalato grappoli succosi che si trasformeranno in ottimi vini. Ma l'uva è un ottimo alleato in cucina sia nella preparazione di piatti salati come il risotto all'uva con  salsicce e pecorino e le salsicce all'uva, che nella preparazione di dolci, soprattutto essiccata, la mia amatissima uvetta. Oggi ho deciso di utilizzare l'uva per una confettura, aromatizzata con semi di anice, Ho utilizzato uva da vino, ci è voluto un po' ad eliminare i semini ma ne è valsa la pena. 




Ingredienti:

1 kg di uva (senza i semi)
500 g di zucchero
5 g di anice
1 bustina di pectina

Preparazione:

Lavate l'uva, staccate i chicchi ed eliminate i semini. Versate i chicchi in un tegame, unite l'anice e lo zucchero mescolato con la pectina, accendete il fuoco e portate a bollore, allontanate dal fuoco e frullate con un mixer ad immersione. Riaccendete il fuoco, riportate ad ebollizione e lasciare bollire a fiamma alta per 3 minuti. Spegnete il fuoco mescolate ancora un minuto poi versate in vasetti sterilizzati, chiudete ermeticamente e mettete a testa in giù per 5 minuti. Girate i vasetti, etichettate e conservare in dispensa.







giovedì 9 ottobre 2014

Chiffon Cake alle Nocciole con Crema al Passito di Pantelleria, la Fluffosa delle Bloggalline

La chiffon cake o fluffosa come la chiamiamo noi Bloggalline, è una torta sofficissima con un solo difetto, non durerà più di un paio di giorni. Ormai ci sono moltissime versioni di questa torta, ognuna di noi l'ha personalizzata adattandola ai propri gusti. Io ho deciso di aggiungere le nocciole alla fluffosa al cioccolato di Monica, che ho poi accompagnato con una crema al Passito di Pantelleria.




Ingredienti:

150 g di farina
100 g di farina di nocciole
30 g di cacao amaro
30 g di cacao dolce
300 g di zucchero
130 ml di olio di semi 
180 g di acqua tiepida
3 tuorli
8 albumi
1 bustina di lievito per dolci
8 g di cremor tartaro
Un pizzico di sale

 Per la crema al Passito di Pantelleria:

50 g di tuorli
30 g di zucchero
20 g di amidi di mais
200 ml di latte
40 ml di Passito di Pantelleria

Preparazione:

Preriscaldate il forno a 150 gradi. In una ciotola mescolare farina setacciata, cacao, farina di nocciole, sale, lievito e cremor tartaro. Mescolare l'olio e l'acqua ed unirli alle farine mescolando, aggiungere i tuorli uno alla volta. Montate gli albumi a neve ed aggiungeteli delicatamente al resto degli ingredienti. . Versate l'impasto nello stampo da chiffon cake  NON imburrato, fate cuocere per 75 minuti. Appena sfornata capovolgete lo stampo e fate freddare per un paio d'ore. Per la crema, montate i tuorli con lo zucchero e il passito, aggiungete l'amido e il latte tiepido, versate in un tegamino e mescolate finché non inizierà ad addensarsi, allontanate dal fuoco. Trasferite la crema in una ciotola e fate raffreddare. Servite la torta con la crema la Passito fredda o tiepida. 




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...